UN GIORNO PER DIRE NO AI PREGIUDIZI, ALL’INTOLLERANZA, MA ANCHE ALLA STRUMENTALIZZAZIONE - Comune di Arcore (MB)

archivio notizie - Comune di Arcore (MB)

UN GIORNO PER DIRE NO AI PREGIUDIZI, ALL’INTOLLERANZA, MA ANCHE ALLA STRUMENTALIZZAZIONE

 

UN GIORNO PER DIRE NO AI PREGIUDIZI, ALL’ INTOLLERANZA, MA ANCHE ALLA STRUMENTALIZZAZIONE

 

Disprezzo, pregiudizi, omofobia.

Martedì 17 maggio non è un giorno qualunque. Di quelli che passano inosservati.

È un’occasione per ribadire un concetto importante e che deve essere condiviso quanto più possibile.

Non è una questione banale o di facciata.

Quel giorno si celebra la giornata mondiale contro l’omofobia, bifobia (avversione alla bisessualità) e transfobia (pregiudizi sulla transessualità).  

 

Lo stesso presidente Sergio Mattarella ha ribadito recentemente l’importanza di questa ricorrenza istituita a livello mondiale dal 2004.

Non possiamo che essere d’accordo con lui quando dice che "la ferita inferta ad una singola persona offende la libertà di tutti".

Un principio sancito dalla Costituzione.

Le attitudini di ciascuno e l'orientamento sessuale non possono, nè devono, costituire motivo per negare il rispetto dovuto alla dignità umana.

 

Detto questo va anche ricordato quanto altrettanto deleteria sia la strumentalizzazione di questa celebrazione ai fini politici o di propaganda. Un atteggiamento che va oltre il significato di questa ricorrenza minandone dalle fondamenta il suo significato effettivo che nessuno di noi vuole mettere in dubbio.

Pregiudizi, intolleranza e discriminazione questi sono i nemici da combattere indipendentemente dalla collocazione politica e nel rispetto delle differenti culture e visioni della vita.

E per fare questo non dobbiamo alimentare facili isterismi di chi da una parte vorrebbe cavalcare l’onda del pregiudizio e chi dall’altra esternare in maniera altrettanto subdola e coreografica un concetto che deve appartenere a tutti e non solo ad una parte. 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (211 valutazioni)